Grillo turba i sogni di Bersani

Il Pd affidi al M5S (senza contropartite) la seconda carica dello Stato

di Paolo Flores d’Arcais

Chiedere a Grillo di aprire a Bersani è privo di senso, anche quando viene fatto con le migliori intenzioni da persone e personalità certamente disinteressate. Grillo e Casaleggio hanno infatti reiterato a sufficienza che il M5S non appoggerà alcun governo scelto “dai partiti” (fosse anche corretto con “indipendenti” ineccepibili), e ogni sollecitazione in questa direzione non può che apparire un tentativo di creare divisioni pro-Pd all’interno del movimento. E’ molto sensato, piuttosto, ma stranamente non viene fatto da nessuno, chiedere a Bersani di aprire al M5S, in modo unilaterale e senza chiedere nulla in cambio, neppure per sottointesi, sia chiaro, ma proprio e assolutamente “gratis et amore Dei”.

So già che molti nella “sinistra” ufficiale si stracceranno le vesti, considerando punitiva verso il Pd la pretesa da me avanzata. Perché dovrebbe “cedere” Bersani, anziché Grillo? La dose minima di Realpolitik risponde: perché è Bersani, e non Grillo, a trovarsi in un “cul de sac” e tenere di conseguenza nella paralisi l’intero paese. Semmai, è purtroppo possibile che perfino un’apertura unilaterale e senza contropartite del Pd al M5S suoni a Grillo e Casaleggio infida, e per eccesso di sospettosità venga rifiutata aprioristicamente, malgrado le due “aperture” non siano affatto speculari.

Di che cosa potrebbe/dovrebbe trattarsi?
Il Pd, già quando si chiamava Pci, sosteneva che fosse giusto sul piano istituziona-le affidare la presidenza di una delle due camere all’opposizione. E continua ad avanzare questo progetto, esigendo però che il M5S, cui dovrebbe andare, accetti una trattativa sui due nomi. In tal modo vanifica il progetto stesso, visto il rifiuto ad ogni pourparler da parte di Grillo e Casaleggio. Il Pd dovrebbe/potrebbe, invece, se la scelta di una presidenza alle opposizioni non è strumentale ma nasce da convinzione istituzionale, dichiarare che al Senato porterà i suoi voti sul candidato del M5S, senza chiedere nulla in cambio e per puro senso dello Stato, consegnandone la seconda carica (il presidente del Senato sostituisce quello della Repubblica se assente o in impedimento) ai veri vincitori delle elezioni.

Di nuovo, so che molti nel centro-sinistra si stracceranno le vesti, di fronte alla richiesta di un tale inaudito “sacrificio”. Ma se si crede davvero che una presidenza debba andare alle opposizioni, e se l’opposizione non vuole trattare su ambedue, i numeri dicono che solo il Senato può essere affidato al M5S, con un gesto unilaterale e senza contropartite, visto che solo alla Camera il Pd può eleggere il suo senza nessun apporto.

Insomma, una presidenza M5S al Senato sarebbe giusta sia per segnalare il senso più profondo del risultato elettorale, sia in coerenza con quanto il Pd (fin dai tempi del Pci) ha teorizzato, sia per “responsabilizzare” istituzionalmente, senza trappole o sospetti di trappole, il movimento di Grillo e Casaleggio. E’ possibile che i due leader considerino anche questo un “regalo avvelenato”, un’esca con cui finirebbero omologati, ma darebbero in tal modo la netta sensazione di non avere fiducia in se stessi.

E’ dunque possibile, perciò, che forti della seconda carica dello Stato continuerebbero a dire di no al tentativo Bersani e a ogni governo con una qualsiasi presenza partitica, ma potrebbero poi sentirsi talmente forti da avanzare al Capo dello Sato, dopo il fallimento certo di Bersani, un loro “programma in 8 punti” alternativo, che riassuma quello del movimento (cominciando dall’abrogazione del finanziamento e della Tav, invise a Bersani ma non agli elettori Pd), e un loro nome di altissimo profilo fuori dei partiti per realizzarlo. Non un governo del Presidente ma un governo extra-partiti (dell’Antipolitica, direbbe Scalfari: in realtà dell’Altrapolitica) presieduto da un nome scelto da Grillo e Casaleggio. Mettendo loro il Pd con le spalle al muro, poiché sarebbe Bersani (e Renzi e l’intero centro-sinistra) a decidere se dire sì o no a un nome di “chiara fama” e a un programma di autentico rinnovamento (non la minestrina proposta da Bersani), e rifiutandolo assumersi la responsabilità della ingovernabilità e del ritorno alle urne (con il Porcellum!).

Affidare la presidenza del Senato a un candidato di Grillo e Casaleggio sarebbe insomma razionale, sarebbe equanime, sarebbe vantaggioso per il paese, sarebbe coerente con quanto predicato un tempo dal centro-sinistra. Ma sono quasi certo che il centro-sinistra si guarderà bene dal fare questa “mossa del cavallo” necessaria per far vincere il famoso “interesse generale”, sempre invocato ma mai perseguito davvero. Temo che tra il senso delle istituzioni, che la suggerirebbe, e l’attaccamento alle poltrone, vincerà quest’ultimo, fornendo al M5S un argomento di più, anziché uno di meno, per la prossima campagna elettorale.

(11 marzo 2013) (MicroMega)

Annunci

A cosa si vorrà mai riferire la signora Petra Reski? Non vorrà dire che i giornali italiani non sono serie testate come le altre europee?

“Mi sembrano tutti impazziti qui in Italia: La mia intervista per “Focus” non è ancora uscita e già viene citato Beppe Grillo con cose che non ha detto. Questa tecnica mi ricorda un po’ quel gioco da bambini, in tedesco si chiama “Stille Post”, giocare a passaparola. Sul sito di Focus è stato pubblicato un riassunto della mia intervista, e questo riassunto viene non tradotto, ma distorto, in una conclusione che ho appena letto sul sito della Repubblica: “Grillo: “Si al governissimo” e poi: Grillo: “Ok a governo Pd-Pdl, per legge elettorale e tagli””. Ma è una falsità! Sul sito di Focus non è scritto questo. E’ scritto: “Grillo non vuole fare una coalizione ne con Pier Luigi Bersani, ne con Silvio Berlusconi: “Se PD e PDL dicessero: “Legge elettorale subito, via i finanziamenti retroattivi, massimo due legislature e vanno fuori tutti quelli che hanno più di due legislature”, così noi appoggiamo qualsiasi governo” diceva Grillo a Focus, e aggiungeva: “Ma non lo faranno mai. Loro bluffano per guadagnare tempo.”‘”. Per essere sicura di non averti citato in maniera sbagliata ho controllato di nuovo la trascrizione originale dell’intervista: “Se PD e PDL dicessero: “Legge elettorale subito, via i finanziamenti retroattivi, due legislature andiamo fuori tutti quelli che abbiamo più di due legislature”, cosi noi appoggiamo qualsiasi governo, ma scherzi. Non faranno mai queste cose. Loro bluffano, hanno bisogno del tempo, ma non faranno mai queste cose.”. Sul sito di Focus si legge esattamente questo. Insomma. Follia pura. Normalmente, alla fine del gioco di passaparola, si ride. Ma non mi viene da ridere di fronte ad un uso così scorretto della mia intervista.” Petra Reski

Spinoza

Un Pensiero ai tanti...troppi imprenditori vittime dell'apatia dello Stato! - Scrivo cazzate che mi girano per la testa, ripropongo ciò che credo sia interessante!

Paolo Pieralice

"La democrazia è il potere di un popolo informato" cit Alexis de Tocqueville

ilprisco

Un Pensiero ai tanti...troppi imprenditori vittime dell'apatia dello Stato! - Scrivo cazzate che mi girano per la testa, ripropongo ciò che credo sia interessante!

Guerriero della Luce

Il guerriero della luce crede.Poiché crede nei miracoli, i miracoli cominciano ad accadere.

Democrazia e Sviluppo

100% opinioni, 100% libere.

Insopportabile

Ne ho le scatole piene, ma con eleganza.

La Cave à Mots

Histoire-Littérature

ArticolaMente

Storie di una neo pubblicista mai stata pagata.

taranto7aprile

A noi tutti spetta prenderci una giusta e civile rivincita contro la malapolitica e gli inquinatori, perche’ Taranto sia libera, finalmente libera

Polvere da sparo

Sono figlio del cammino, la carovana è la mia casa _Amin Maalouf_

DonneManager♔diNapoli.com

quotidiano on-line

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

hap&leo

La situazione politica in Italia è grave ma non è seria.

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

Mistero Risolto

falsi misteri, strani complotti, bufale, truffe e bugie

vado vedo scatto scrivo

Il mondo fotografato e raccontato da Barbara Oggero

Matt on Not-WordPress

Stuff and things.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: